logo

0815522305

INFO & APPUNTAMENTI

logo

0815522305

INFO & APPUNTAMENTI

081 5522305

INFO & APPUNTAMENTI

Lo sport riduce l’infarto cardiaco anche tra lo smog cittadino

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on pinterest
Pinterest

Fare sport fa bene alla salute, anche quando lo si pratica in città inquinate o nel bel mezzo del traffico. Gli effetti benefici dell’esercizio fisico, infatti, superano e hanno un maggior peso sulla salute degli effetti nocivi prodotti dall’inquinamento atmosferico. Anche se c’è molto smog poco importa: fare sport riduce comunque il rischio di infarto. Basta fare i pendolari attivi, lasciando a casa l’auto e iniziando a camminare, per stare un po’ più in salute.

È quanto emerge dalla ricerca europea (che vede la firma di istituti di ricerca spagnoli, tedeschi e danesi) pubblicata sul Journal of American Heart Association. La ricerca fa notare come anche nelle aree con livelli medio-alti di inquinamento del traffico un’attività fisica regolare riesca a ridurre il rischio di infarto cardiaco. «Il nostro studio mostra che l’attività fisica anche durante l’esposizione all’inquinamento atmosferico in città con livelli simili a quelli di Copenaghen, può ridurre il rischio di infarto. Anche un livello moderato di attività fisica regolare, come quella legata al pendolarismo attivo, è sufficientemente intensa per ottenere questi benefici per la salute», ha detto Nadine Kubesch, dell’Università di Copenaghen e autrice principale dello studio.

Sono stati valutati diversi livelli di attività fisica all’aperto (sport, ciclismo, passeggiate e attività di giardinaggio) e l’esposizione al biossido di azoto (un inquinante generato dal traffico) in 51.868 adulti di età compresa tra 50 e 65 anni.

Andare moderatamente in bicicletta ha portato a una diminuzione del rischio di un infarto ricorrente (cioè di un nuovo attacco cardiaco) del 31%. C’è stata una riduzione del 58% del rischi di infarto, invece, quando si riuscivano a fare tutti e quattro i tipi di attività fisica analizzata (complessivamente per un totale di quattro ore alla settimana o più), indipendentemente dalla qualità dell’aria.

Condividi ORA questo articolo:
Lo sport riduce l’infarto cardiaco anche tra lo smog cittadino
↓ CLICCA SOTTO ↓
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on pinterest
Pinterest

In questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari e/o di terzi parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report ad uso statistico e di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi e/o prodotti (cookie di profilazione). Noi siamo autorizzati ad utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma tu hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza di navigazione migliore. Maggiori informazioni nella Cookie Policy. Cookie policy