logo

0815522305

INFO & APPUNTAMENTI

logo

0815522305

INFO & APPUNTAMENTI

081 5522305

INFO & APPUNTAMENTI

Le deformità del piede: si possono evitare e riabilitare

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on pinterest
Pinterest

I medici biomeccanici di tutto il Mondo a Congresso a Napoli

  • Come mai si forma un alluce valgo e da cosa nasce un dito a griffe o a martello?
  • Si possono prevenire?
  • E se già ne soffro posso evitare un loro peggioramento nel tempo?

A queste domande deve rispondere spesso il Dr. Di Stasio, noto podologo biomeccanico napoletano, impegnato nei mesi scorsi, come organizzatore del Congresso Mondiale di Podologia in programma a Napoli.

Le deformità del piede si possono prevenire?

Le deformità delle dita nascono da un problema di appoggio: sono il risultato di un piede piatto o di un piede cavo non curato, e dei compensi posturali che il nostro corpo va a ricercare.
Se si studia la biomeccanica dell’appoggio podalico e si correggono i deficit della deambulazione possiamo prevenire le deformità delle dita del piede o evitare che peggiorino.

Di questo argomento e di tanti altri si è parlato al Congresso Mondiale di Biomeccanica di Napoli che si è svolto al Palazzo dei Congressi dal 27 al 29 aprile 2018: insomma Napoli l’ombelico del Mondo della Podologia. Le tecnologie ed i test diagnostici oggi disponibili ci permettono di capire i problemi di appoggio e di dare terapie efficaci e semplici da usare.

I plantari oggi sono usati dalle modelle e dagli atleti, sono correttivi e piccoli, sottili e confortevoli, a 3/4 e non danno fastidio e risolvono i problemi di appoggio senza dover cambiare le scarpe.

I plantari funzionali correggono l’appoggio biomeccanico ed evitano i compensi che generano deformità all’avampiedel’usura delle cartilagini. Il 90% delle persone anziane ultra settantenni ne soffrono: diffusissimi i problemi al piede ed alle unghie ed alle grandi articolazioni della gamba (ginocchia, anca).

Da recenti dati epidemiologici si evidenzia che anche i più giovani manifestano spesso problemi ai piedi ed alle gambe: il trattamento precoce delle patologie del piede riesce ad evitare problemi sovra-segmentali fino alla colonna vertebrale ed a ridurre o ad evitare anche problemi di carattere venoso. Lo ha ben spiegato il Dott. Lanfranco Scaramuzzino, componente del Comitato Scientifico del Congresso Mondiale.
Una realtà nella medicina preventiva e riabilitativa.

Condividi ORA questo articolo:
Le deformità del piede: si possono evitare e riabilitare
↓ CLICCA SOTTO ↓
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on pinterest
Pinterest

In questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari e/o di terzi parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report ad uso statistico e di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi e/o prodotti (cookie di profilazione). Noi siamo autorizzati ad utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma tu hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza di navigazione migliore. Maggiori informazioni nella Cookie Policy. Cookie policy